Rafforzamento della disciplina in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Con la Legge n. 215 del 17 dicembre 2021 «Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili», il Governo Italiano ha apportato alcune modifiche al D.lgs. 81/08, già presente con la Rev. Gennaio 2022, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Le principali novità che interessano le Aziende sono indicate all’art.13 della Legge n. 215, in particolare viene focalizzata l’attenzione al contrasto del lavoro irregolare e alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, con una significativa revisione del ruolo di Preposto e delle sue attività, e per tutta la formazione che vedrà un aggiornamento con l’obbligo di formazione anche per i Datori di lavoro.

  • Per il contrasto al lavoro irregolare, l’Ispettorato del Lavoro, può adottare un provvedimento di sospensione dell’attività lavorativa se al momento dell’ispezione rilevi una presenza di lavoratori irregolari, cioè senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro, superiore al 10% dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro.
  • La sospensione dell’attività lavorativa può essere attuata in caso di gravi violazioni in materia di tutela della salute e sicurezza del lavoro di cui all’Allegato I della Legge n. 215 del 17/12/2021 e integrato nell’aggiornamento al D.lgs. 81/08 (Vd. Fig. 1).
  • Il Datore di lavoro ha l’obbligo di comunicare all’avvio dell’attività di lavoratori autonomi occasionali all’Ispettorato Territoriale del lavoro del territorio competente tramite SMS o posta elettronica la presenza dei suddetti lavoratori autonomi occasionali. In caso di violazione si applica la sanzione amministrativa da 500 a 2.500 euro in relazione a ciascun lavoratore autonomo occasionale per cui è stata omessa o ritardata la comunicazione.
  • Al Datore di lavoro viene imposto l’obbligo di individuare il Preposto o i Preposti per l’effettuazione delle attività di vigilanza di cui all’articolo 19 del D.lgs. 81/08, a cui spetta un adeguato emolumento per lo svolgimento di tale attività secondo i contratti e gli accordi di lavoro collettivi presenti.
  • L’art. 19 del D.lgs. 81/08 viene sostituito dal seguente: “sovrintendere e vigilare sull’osservanza da parte  dei  singoli lavoratori dei loro obblighi di  legge,  nonche’  delle  disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e  di  uso  dei mezzi di  protezione  collettivi  e  dei  dispositivi  di  protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso  di  rilevazione di comportamenti non conformi alle disposizioni e istruzioni impartite dal datore di lavoro e dai dirigenti ai fini della protezione collettiva e individuale, intervenire per modificare il comportamento non conforme fornendo le necessarie indicazioni di sicurezza.

In caso di mancata attuazione delle disposizioni impartite o di persistenza dell’inosservanza, interrompere l’attivita’ del lavoratore e informare i superiori diretti”.

  • Lo stesso Preposto in caso di rilevazione di deficienza dei mezzi e delle attrezzature e di ogni condizione di pericolo rilevata durante la vigilanza, dovrà se necessario, interrompere temporaneamente l’attività e segnalare tempestivamente al Datore di lavoro e al Dirigente le non conformità.
  • Per le attività di appalto e subappalto, il Datore di lavoro, dovrà comunicare espressamente al committente il personale che svolge la funzione di Preposto.
  • Il personale che svolge la funzione di Preposto dovrà essere formato, con modalità in presenza, e con un aggiornamento almeno biennale o ogniqualvolta si renda necessario in ragione dell’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi.
  • Entro il 30 giugno 2022, la Conferenza Stato-Regioni, emanerà un nuovo accordo nel quale provvede all’accorpamento, alla rivisitazione e alla  modifica degli accordi attuativi in materia di formazione in modo tale da garantire: l’individuazione della durata, dei contenuti minimi e delle modalità di formazione obbligatoria a carico del Datore di lavoro, le modalità di verifica finale di apprendimento per tutti i discenti e dei relativi aggiornamenti.
  • Viene imposto l’obbligo esplicito di addestramento per tutti con relativa registrazione per quanto riguarda: l’uso corretto e in sicurezza delle attrezzature, macchine, sostanze, impianti, dispostivi, anche di protezione individuale.

Fonti: Gazzetta Ufficiale https://bit.ly/3ztBIEV

Share:

Comments are closed.

SEDE

Via Francesco Ferrucci 2
Milano (MI) - 20145

TELEFONO

02 36570750

CONTATTI

info@sapalsrl.it

ORARI

Da Lunedì al Venerdì
dalle: 8:00 alle 17:30